17 gennaio 2013

È un fatto di appartenenza.



Sei cattivo, sei perverso, sei malvagio... Si' sanghe 'e pimmice. Allora si' cuntento quanno può turturà 'a gente... E si 'o putisse fa' cu' ll'aghe e cu' 'e spille... sarisse felice. Ma nun tiene maie nu dulore 'e capa? Staje sempe buono 'e salute? E miettete ‘na ventina 'e iuorne dint' 'o lietto cu' nu poco 'e freva, almeno stammo nu poco cuiete tutte quante. San­ta fede di Dio, st'ommo sta sempe 'e na manera. Com­me se sceta accussì se cocca, comme se cocca accussì se sceta...” (Non ti pago – Eduardo de Filippo, 1940)

Sei cattivo, sei perverso, sei malvagio… Sei estremamente irascibile. Sei contento solo nel momento in cui riesci a torturare le persone… e se ti riuscisse farlo con gli aghi e con degli spilli… ne saresti felice. Ma non hai mai mal di testa? Godi sempre di ottima salute? E resta venti giorni a letto con un po’ di febbre, almeno stiamo un po’ tutti tranquilli. Santa fede di Dio, quest’uomo è sempre dello stesso umore. Come si svegli, così si addormenta, come si addormenta, così si sveglia…”

Le regole della traduzione vogliono che si traduca dalla lingua “studiata” verso la lingua madre, per rendere meglio l’idea.
Ecco, per quanto spesso mi venga ripetuto che parlo male in napoletano, che ho un accento “nordico”, stasera non sono riuscita a tradurre un testo dal Napoletano all’italiano.

“È un fatto di appartenenza.” (cit.)


Un ringraziamento particolare a F. che nonostante tutto è sempre d'aiuto.

Nessun commento:

Posta un commento