27 novembre 2012

"Paese che vai, studenti che trovi"



00.35 ora locale.

Finalmente doccia e letto.
Gli ultimi tre giorni sono stati intensi e massacranti.

Da Puerto La Cruz a Caracas ci vogliono 5 ore in autobus, io oggi ci ho messo 12 ore. Arrivata al terminal verso le 11.30, arrivo alla biglietteria e l'impiegata mi dice che non ci son più posti per la partenza delle 14.45, che però c'è quello delle 18, oppure una lista d'attesa. Le chiedo di trovarmi un posto, anche di fianco all'autista, ho necessità di arrivare a Caracas quanto prima, che non ho modo di restare a P.to la Cruz tutto il giorno con lo zaino, che sono stanca e puzzo già anche se ero uscita 20 minuti prima dalla doccia (fredda). Una tragedia napoletana, insomma. Fa un po' di storie, poi come una nostra impiegata di Trenitalia, trova magicamente "l'ultimo posto". La ringrazio e mi siedo ad aspettare.


Ma prima compro anche 3 meravigliosi dolcetti al cacao, volevo un caffè ma la tizia del chiosco mi dice che non c'e' zucchero, quindi rinuncio.


Ore 14.45 puntuali, c'è la chiamata, si imbarcano i bagagli e si parte puntualissimi. 

Ore 15.00 l'autobus si ferma. Dal finestrino (oscurato) del bus vedo solo macchine e camion. 
Dormo profondamente, penso che ci sia solo traffico. Mi sveglio dopo un'ora e siamo ancora nello stesso punto, solo che ora tra una macchina e l'altra ci sono tutti i tipi di venditori ambulanti che si riesce ad immaginare. 
L'atmosfera sul bus è tranquilla, chiedo informazioni e mi dicono che gli studenti dell'Udo (Università d'Oriente), hanno bloccato tutti punti di ingresso ed uscita della città perché vogliono la mensa anche ai corsi serali. 
Cazzo se sono bravi! Noi al massimo ci diamo con gli sbirri per mezza mattinata e qua bloccano tutta una città! 

Mi metto l'anima in pace, tanto non posso andare da nessuna parte, e mi rimetto a dormire...


Ripartiamo verso le 17.30. 

Prossima fermata Caracas, dove mi è venuto a prendere San Mario Neri da Salita Pontecorvo (Napoli) alla meravigliosa ora delle 23.30, per portarmi a casa sua.

I contenuti del viaggio, seguiranno poscia (cit.).


Bonanott'!

Nessun commento:

Posta un commento